NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Pubblicità & Trasparenza

La pubblicità delle procedure di gara è un elemento soggetto a scrupoloso controllo, in quanto per la Commissione Europea rappresenta la prova che sia stata garantita la più ampia concorrenza, parità di trattamento e trasparenza. 

Quindi se è importante che la stazione appaltante adempia a tutti gli obblighi di pubblicità previsti, sia in fase di avvio della gara (pubblicità pre-aggiudicazione) che a conclusione della gara (pubblicità post-aggiudicazione), è altrettanto importante che sia in grado di darne prova in caso di controllo. 

La documentazione prodotta varia in base alla tipologia della procedura prescelta (aperta, ristretta, negoziata, in economia etc.), alla tipologia di appalto (lavori, servizi e forniture) e all'importo dell'appalto (sopra o sotto soglia comunitaria etc.).

Il mancato o parziale adempimento degli obblighi di pubblicità può portare ad un duplice ordine di problematiche: 

dichiarazione di irregolarità della procedura di appalto e rettifiche finanziarie: come noto, la liquidazione della CERT è preceduta da un controllo scrupoloso della regolarità e correttezza della procedura di appalto: è in questa fase che viene controllato anche l'adempimento degli obblighi di pubblicità e, in caso di negativo, applicate delle rettifiche finanziarie consistenti nella decurtazione di tutto o parte del finanziamento richiesto. 

esposizione al rischio di ricorsi amministrativi ad es. da parte di operatori economici che a causa della mancata o limitata pubblicità non sono venuti a conoscenza della procedura o ne hanno avuto una conoscenza tardiva e quindi o non hanno potuto presentare la propria offerta o lo hanno fatto ma non al meglio delle loro possibilità.

 

Procedure di selezione del personale

Gli esperti di ciascun progetto devono necessariamente essere selezionati attraverso un bando di selezione ad evidenza pubblica

Pertanto, per la selezione degli esperti si dovrà almeno pubblicare il bando di selezione sul sito internet e sull'albo della Scuola, nonché la pubblicazione sul sito internet dell'Ufficio Scolastico Regionale e Provinciale. 

Si rende necessario mantenere agli atti l'evidenza della pubblicità effettuata ed in particolare della pubblicazione sul sito della Scuola e dell'USR.

Ai fini della selezione dei collaboratori di progetto, le Istituzioni Scolastiche devono avvalersi di procedure idonee a garantire la qualità della prestazione, che si svolgano nel rispetto dei principi di economicità, efficacia e correttezza, nonché dei principi di imparzialità, parità di trattamento, proporzionalità, trasparenza. 

Infine, nella nota del 7 novembre, si invitano le Istituzioni Scolastiche a voler tener conto nelle procedure di reclutamento, delle disposizioni vigenti, per garantire la partecipazione agli aspiranti che abbiano utilizzato la PEC quale strumento di invio della propria candidatura ed evitare, in tal modo, l’insorgere di un eventuale procedimento di contenzioso.

 

 

Di seguito tutte le note pubblicate sul sito del MIUR relative alle attività obbligatorie appena descritte:

 

pdf

AOODGAI/1406 del 13 febbraio 2014

Fondi Strutturali Europei - programmazione 2007-2013. Procedure selettive per l'attuazione dei progetti beneficiari dei programmi operativi cofinanziati con fondi strutturali europei – Sintesi delle note di chiarimento e indicazioni.

 

pdf

AOODGAI/11498 del 7 novembre 2013

Oggetto: Fondi Strutturali Europei – Programmazione 2007/2013 - P.O.N. Chiarimenti utilizzo Posta Elettronica Certificata (PEC) per procedure di selezione di personale.

 pdf

 AOODGAI /10304 del 26 giugno 2012

Programmazione dei Fondi Strutturali Europei 2007-2013 – Programma Operativo Nazionale “Competenze per lo sviluppo” – FSE – 2007 IT 05 1 PO 007; Programma Operativo Nazionale "Ambienti per l'apprendimento" – FESR – 2007 IT 16 1 PO 004.. Richiamo sulle disposizioni relative alle “Spese ammissibili e non ammissibili”, alla “Selezione esperti madre lingua”; alla “individuazione Enti Certificatori”.